I primi due iPad: prime impressioni

 
 

Intervista di Massimo De Luisa


Il primo iPad è arrivato in Italia il 6 Aprile, a Udine. Anzi: i primi due.

Entrambi sono stati presentati in un informale ritrovo del locale gruppo degli utenti Apple: l’Apple user group Friuli Venezia Giulia (AugFVG). I fortunati presenti hanno potuto sbizzarrirsi ad aprire tutte le applicazione dell'iPad (scaricando ben il 10 % della batteria in sole 4 ore !)


Basta uno sguardo per rimanere assuefatti e attratti dal brillante display dell'iPad; la scocca unibody che con linee dolci lo avvolge, rende l'ipad resistente, e per capirlo basta prenderlo in mano. il Display multitouch è incredibilmente preciso e sbagliare sembra quasi impossibile.

provando a scrivere una mail , ci si accorge di come sia stata pensata bene la tastiera querty che appare nella metà inferiore dello schermo. Usare iWork sull'iPad sarà più divertente e semplice che usarlo con un iMac 27 pollici. Insomma l'iPad è arrivato e come al solito, mamma Apple ha partorito un gioiellino (basti pensare ai 300 mila iPad venduti il primo giorno...dati abbastanza rilevanti !)


Ma facciamo parlare i due fortunati (e un pò invidiati) protagonisti della serata le loro sensazioni.


E bene Marco, tu sei fondatore e presidente dell’AugFVG: hai saputo molto tempo fa dell'ipad?


Marco - Esageriamo: 20 anni fa!

Nel 1990 studiavo Economia a Bologna e il docente era solito invitare a parlare i protagonisti del settore. L’esperto di turno, l’amministratore delegato di Apple Italia, tenne una lezione sul tema dell’innovazione ed allestì un vero e proprio “Keynote” con tanto di videoregistratore pilotato da un Mac.

Era roba tostissima a quei tempi.

Tra le altre cose proiettò un video del 1987, il famosissimo “Knowledge Navigator” che si può vedere qui http://www.youtube.com/watch?v=QRH8eimU_20&feature=related&fmt=22 Poteva sembrare fantascienza (le tecnologie per fare quanto si vedeva nel filmato non esistevano ancora se non a livello altamente teorico) ma era chiaro che non si trattava di un “sogno” ma di un realistico percorso di sviluppo tecnologico che oggi possiamo vedere realizzato quasi completamente nell’iPad.

E’ bastato solo aspettare un pò...


E tu Matteo, che sei uno dei nuovi entrati del gruppo di utenza apple del Friuli Venezia Giulia, quando hai saputo dell'ipad?


Matteo - Mi sento innanzitutto di premettere che sono un nuovo fan Apple, nonostante abbia sempre visto con entusiastica ammirazione ogni oggetto che portasse su di se la fantastica mela! :-) Per quanto riguarda l'ipad mi sono interessato dal momento in cui si è cominciato a parlarne con insistenza, ovvero circa da settembre 2009 e ho aspettato con trepidazione la presentazione di Jobs del 17 gennaio che mi sono preoccupato di vedere e rivedere più volte fino al fatidico giorno in cui mi sono trovato in mano il nuovo gioiellino!  


E quando l'avete comprato?


Matteo - Per le vacanze pasquali i miei genitori sono stati a New York City e hanno accontentato il mio desiderio (nonché quello di Marco!) di portarmi l'iPad nuovo nuovo ancora imballato dalla grande mela! Quale città migliore per acquistarne uno?? 


Marco - Il 5 Aprile il papà di Matteo mi ha mandato un SMS annunciandomi che ero proprietario di un iPad: gli ho risposto che lo aspettavo sdraiato per terra al casello autostradale di Udine sud...


Quali sono state le vostre prime impressioni del nuovo gioiellino di casa Apple ????


Matteo - È stato davvero uno shock, sinceramente non mi aspettavo tanto! Innanzitutto al tatto si ha una sensazione incredibilmente positiva, di solidità e praticità. Poi la prima accensione e sincronizzazione è stata davvero emozionante, avevo Marco a fianco che saltava sul divano e stava per scaraventare a terra il mio pc (Windows vista...) che si era impiantato! Una volta sincronizzato e registrato, l'iPad mi ha dato subito impressioni davvero positive, una velocità nell'apertura delle applicazioni davvero straordinaria e la navigazione in Internet di una semplicità e comodità indescrivibili! 


Marco - Premesso che con un Mac la sincronizzazione è avvenuta senza problemi in pochi minuti, secondo me iPad è davvero tutto ciò che vuole essere “il prodotto” Apple:

1- un dispositivo veramente personale,

2 - facile da usare,

3 - con la possibilità di usufruire di contenuti multimediali di qualità anche nel rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e

4 - capace di comunicare in maniera straordinaria.

Sarò più esplicito:

1 - 1976 - Apple II (il primo vero “personal computer”)

2 - 1984 - Macintosh (il primo vero computer con interfaccia grafica)

3 - 2001 - iPod (il primo vero lettore MP3)

4 - 2007 - iPhone (il primo smart-phone con un vero browser e interfaccia touch-screen)

Credo che chi dice che l’iPad è solo “un iPhone ingrandito” dia per scontato troppe cose: vuol dire che Apple ha fatto un buon lavoro nel rendere le sue innovazioni ormai di dominio pubblico.



Marco, quanto tempo ci hai perso sopra e cosa ti ha stupito di più del dispositivo ?


Marco - Per quarto riguarda la prima domanda meglio lasciar perdere...

Per la seconda: la velocità, senza dubbio: il dispositivo è reattivo in maniera sorpendente.

Ma sono stato molto stupito anche dalla capacità della batteria: è inesauribile!!!


E tu, Matteo, che non hai dovuto aspettare iPad vent’anni, cosa rispondi a queste domande?


Matteo - Beh a dire il vero ci sono rimasto attaccato per circa 10 ore di fila!!

E con questo rispondo anche alla seconda domanda.. Una batteria spaventosa!

Anche a prestazioni elevate. Poi ovviamente mi ha colpito la velocità: l'accelerometro è fantastico, la reattività di tutte le applicazioni sorprendente e soprattutto navigare è realmente come lo definisce Jobs: AMAZING!


Le app come girano? Quali sono quelle più vi convincono?


Matteo - Le applicazioni sono velocissime, sia nel caricamento che durante l'utilizzo! La mia preferita è naturalmente safari, velocissimo e preciso.. Mail è molto comoda e veloce! Inoltre dallo store americano ho scaricato "planets", applicazione che ti permette di osservare il cielo visibile partendo dal piano dell'orizzonte in cui ti trovi e segna l'orbita solare e quella dei pianeti, nonchè fornisce le ore di visibilità dei pianeti in base alla posizione in cui ci si trova! Insomma per un appassionato di astronomia una vera chicca! 


Marco - Anche secondo me la velocità è una sorpresa: penso che ci sia un lavoro di ottimizzazione spaventoso. Anche le app più pesanti sono così efficienti che non si riesce a percepire nessun riscaldamento del dispositivo. Coloro che sulla stampa si sono lamentati in tal senso usavano l’iPad in pieno sole, a mezzogiorno: che diamine, parliamo di un dispositivo nero sotto vetro, una specie di pannello solare. In quelle condizioni si scalderebbe anche spento.

La mia applicazione preferita è mail, il lavoro di affinamento dell’interfaccia è notevole.

Ma quella che uso di più è naturalmente Safari.

In attesa di Pages...

 

Il display ?


Matteo - Colori davvero splendidi, nitidezza e luminosità. Insomma è tutto schermo! .


Ecco, io personalmente toccandolo mi sono accorto che la patina antigrasso già presente sull'iPhone 3Gs sembra ancora più efficace, te ne sei accorto anche tu o lo schermo è talmente brillante che non ne hai fatto caso?


Marco - Mah, io ho la pelle grassa: lascio ditate eccome. Specie con le mani sudate questo può essere fastidioso, ma solo in pieno sole si nota in controluce...


Matteo - Già, in condizioni normali non è così evidente. Basta un panno a portata di mano e si risolve tutto!